Buongiorno e felice lunedì.


sedia

Ricette etniche: la Francesinha portoghese


francesinha

Buongiorno a tutti amici di blog.  L’ora di pranzo si avvicina e i morsi della fame li sento già da un po’; cosa state preparando di buono? Questo week-end sono stato inPortogallo, a Porto per la precisione e, tra le tante delizie a base di pesce mangiate, ho assaggiato laFrancesinha, un piatto tipico portoghese a base di carne e formaggio. Riconosco che possa non piacere a tutti per il suo sapore molto deciso…

Ho cercato in internet  la ricetta per chi volesse provarla, io la consiglio 🙂

Francesinha: ecco la ricetta.  Disponete su  un piatto piano una fetta di pane in cassetta sulla  quale aggiungerete una fettina di carne di manzo già cotta, una fetta di prosciutto cotto, un wurstel tagliato in due, dei pezzettini di formaggio a proprio piacimento e qualche pezzetto di salame piccante. Chiudete il tutto con un’altra fetta di pane e ricoprite  con abbondante formaggio fresco;  condite, infine, con una particolare salsa a base di porto.

francesinha-1

Per preparare la salsa occorre mescolare un pugno di farina di grano con mezzo bicchiere di latte, 100 g. di margarina, 150 g. di polpa di pomodoro, brodo di carne q.b. e un bicchiere di porto. Frullate tutti gli ingredienti e cuocete mescolando lentamente fino ad ebollizione. La Francesinha è quasi pronta, lasciatela scaldare per qualche minuto in forno, fino a quando il formaggio si sarà fuso.

porto

A Porto la Francesinha viene servita con patatine fritte e un uovo fritto in cima a tutto, ma secondo me è veramente troppo!! 🙂 Come potete vedere nella foto, il mio piatto tipico portoghese è nella versione ai funghi.

Che ne dite? E’ una “bomba” vero? 🙂 Però vi assicuro che ne vale la pena prepararla almeno una volta  😉 Gae.

Il dolce risveglio di Roma…


roma

Buongiorno amici, anche Roma in estate fa fatica a svegliarsi, ma è perdonata, guardate che splendida giornata! Buon giovedì a tutti e serena giornata 🙂

Che teste di cactus!


cactus1

Mi chiedo come faccia la mia amica Alessandra a tagliare, cucire e spillare tutte quelle stoffe per dar vita alle sue magnifiche creazioni con quel frangettone davanti agli occhi. O come faccia a non perdere la pazienza in mezzo a tutte quelle Teste di Cactus che da mesi e mesi riempiono la sua stanza. Ma se vuoi  essere amico di Alessandra devi smettere anche di porti mille domande, basta poco per volerle bene: il suo sorriso contagioso, la sua creatività  e la sua aria (apparentemente) distratta.

Alessandra è in grado  di trasformare  vecchie  stoffe o accessori di  improbabili oggetti di uso quotidiano in  articoli  di artigianato  unici nel loro genere.  Nessuna bacchetta magica dunque, ma solo ago,  filo, passione e  tanti tessuti raccattati qua e là.

Le sue creazioni sono fatte tutte a mano, per questo i suoi lavori sono unici.

E così ecco una vecchia gonna dalla fantasia molto poco fashion (spesso ti chiedi come abbia fatto ad indossare un capo del genere) trasformarsi in un Cactus  o ancora  una maglietta rimpicciolita – dopo un lavaggio a 90° in lavatrice insieme a capi colorati-  diventare un alberello. Gae,

ale1

ale2

ale4

Se ti sei incuriosito scopri tutta la  collezione dei  Cactus e dei nuovi  Alberelli della Conoscenzasulla sua pagina Facebook: https://www.facebook.com/testedicactus

Se non lo fai…sei una Testa di Cactus!

cactus3

TESTE DI CACTUS di Alessandra Chi.

“Teste di Cactus nasce nel dicembre del 2012 in risposta ad una domanda: “Come fare un regalo simpatico e originale alla mia migliore amica, se ha praticamente tutto?”.
Sono entrata della stanza del cucito di mia madre e ho cominciato a rovistare tra vecchi tessuti e abiti malconci accumulatisi lì negli anni: gonne agghiaccianti, vestiti sventrati, magliette ristrette da lavaggi sbagliati, tende, tovaglie…cose che non avrebbero avuto più un futuro se fossero rimaste nella loro forma ma che, forse, avrebbero potuto avere una nuova e più gloriosa vita sotto altre sembianze. E perchè non una pianta? Perchè non un cactus?
Poi, una vecchia scatola di biscotti di latta piena di bottoni, ereditata dalla mia nonna materna, mi ha suggerito il resto.
Da qui prende vita la linea “C’era una volta…”: i cactus di questa linea sono stati realizzati riutilizzando, dunque, vecchi tessuti che, una volta, erano qualcos’altro. Per questa ragione, sono a tiratura limitata. Devo ammettere che l’imbottitura è stata ricavata da alcuni cuscini scomodissimi che meritavano la morte. I cuscini, in ogni caso, non hanno sofferto. 
Così, ogni pezzo ha una propria storia ed è unico nel suo genere; non ne troverete due uguali.”

Da WordPress a Facebook, quel “mi piace” che ci avvicina un po’…


SALE3.jpg

Ciao ragazzi, Sale Quanto Basta è anche su Facebook, perchè non mettete un mi piace? Così possiamo “vederci negli occhi”, possiamo scambiarci più facilmente consigli, pensieri e ricette! 🙂 La nostra bacheca è aperta a tutti, scriveteci   la vostra ricetta, raccontateci  il vostro viaggio, mandateci un video che vi piace particolarmente, ecc.  e noi provvederemo a pubblicarlo! 🙂 Dai, vi aspettiamo! 

Clicca qui: https://www.facebook.com/pages/Salequantobasta/511709295546394?ref=hl&ref_type=bookmark

Z-Day a Roma, il ritorno dei morti viventi


z-day-roma-jpg

Z-Day a Roma – Buongiorno a tutti amici di blog, voglio segnalarvi  un’ iniziativa che renderà felici tutti gli amanti del genere horror, degli zombie per la precisione! Oggi a Roma ci sarà il primo Z-Day, dove la “Z” sta per Zombie 🙂 Ebbene sì, un’intera giornata dedicati ai morti viventi con tanto di zombie-walk, presentazioni di libri  e una lunga maratona di film a tema. L’appuntamento è alle 18 a Villa Borghese nei pressi della Casa del Cinema e si concluderà al multisala Barberini con una serie di iniziative da brivido. Ah dimenticavo, guardatevi le spalle 😉

Ricette tipiche: i taralli pugliesi


taralli

Ecco come preparare i tradizionali taralli pugliesi – Percorrendo le stradine del centro storico di Bari e dell’intera Puglia, ci s’imbatte facilmente in antichi panifici che preparano le proprie specialità in forni in pietra, secondo la tradizione e le ricette del passato. I caratteristici borghi antichi profumano di pane, di focaccia, di calzone di cipolla e di taralli appena sfornati. Tra le bianche viuzze del centro storico, capita spesso di incontrare turisti fare grandi scorte di taralli da portare a casa, dove spesso trovano solo quelli della grande distribuzione. Siccome prima o poi terminano (più prima che poi), ecco, quindi, la ricetta dei taralli pugliesi da preparare e consumare in qualsiasi momento dell’anno nella propria abitazione, con i propri cari e con le proprie mani.

Ingredienti per circa 4 persone:
500 g di farina
150 ml di olio extra vergine di oliva
150 ml di vino bianco
1 cucchiaino di sale per salare l’acqua
pepe o semi di finocchietto q.b.Procedimento: 

Su un piano da lavoro disponete a fontana la farina setacciata e versatevi al centro l’ olio extravergine di oliva – io uso quello D.O.P. di Bitonto- , il vino bianco, il sale, il pepe o i semi di finocchietto q.b. Lavorate gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio ed elastico. Coprite il panetto ottenuto e lasciatelo riposare al fresco per 30 minuti. Mentre in una pentola bolle abbondante acqua con 1 cucchiaino di sale, staccate una piccola parte dell’impasto, formate dei cordoncini (7-8 cm di lunghezza e 1 cm di diametro) e legate le estremità dando la forma di una goccia o di un anello. Immergete nell’acqua pochi taralli per volta e appena salgono a galla disponeteli su un canovaccio per circa 20 minuti. Distribuite i taralli su una teglia oleata e infornate in forno già caldo a 180° per 30 minuti o fino a quando non saranno dorati e croccanti.
Accompagnare il tutto con un buon bicchiere di vino. Consigliato è un buon Primitivo di Puglia.
Se volete, possiamo diventare amici anche su facebook 🙂 

Buongiorno e buon 14 luglio


Buongiorno ragazzi e buon 14 Luglio. Ogni anno il 14 luglio ascolto questo bellissimo brano della “cantantessa” siciliana Carmen Consoli dedicato alla mamma; un brano dolce e  intenso estratto da uno degli album di Carmen che preferisco maggiormente: Mediamente isterica. Ascoltatelo e sono sicuro che mi darete ragione 🙂 Buon lunedì e buon 14 luglio a tutti!

L’oroscopo musicale di Luglio


oroscopo-musicale-jpg

Oroscopo mese di Luglio 2014 – Uno degli aspetti più interessanti di un blog è che conosci tanta gente, scambi idee, ricette, consigli o solo semplici pensieri. Ecco l’originale oroscopo musicale della nostra amica di blog:  Viola. Leggi qui cosa ti riservano le stelle e quale canzone farà da sottofondo alla tua estate… Già che ci siete, mettete anche un like alla pagina Facebook di Salequantobasta 🙂

L’oroscopo dal 10 al 16 Luglio di Rob Brezsny


oroscopo-jpg

Ecco puntuale come sempre l’oroscopo di Rob Brezsny dell’Internazionale dal 10 al 16 Luglio. Cosa ci riservano le stelle? Intanto il mio recita così e direi che va più che bene 🙂 Grazie Rob!

 

Vergine: Conosci bene la sensazione che si prova quando ti fanno scoppiare il cervello. E sono sicuro che in più di un’occasione ti hanno rubato il cuore. Ma sono curioso di sapere, Vergine, se ti hanno mai rubato la testa e fatto scoppiare il cuore. Mi chiedo anche se due rari eventi come questi si siano mai verificati contemporaneamente. Prevedo che nelle prossime tre settimane succederà qualcosa di simile. Ma non temere. Queste due epifanie metteranno in moto dei cambiamenti che ti porteranno solo benedizioni. Probabilmente strane e inaspettate, ma comunque benedizioni.

 

Asaf Avidan live in Rome a soli 8 euro, Luglio suona bene!


Buongiorno a tutti ragazzi! Questa sera a Roma all’ Auditorium Parco della Musica c’è il concerto del bravissimo Asaf Avidan, cantautore e musicista israeliano che l’anno scorso ha conquistato il pubblico a livello internazionale con il brano One Day/Reckoning Song. Ho già visto Avidan dal vivo, sempre a Roma, ma tornerò anche quest’anno perchè la sua voce è musica per le orecchie…lo straconsiglio 😉 Inoltre se hai tra i 18 e 35 anni è possibile acquistare il biglietto a soli 8 euro ritirando il coupon presso uno degli undici spazi Incontragiovani della città.

Vi aspettiamo anche sulla nostra pagina Facebook per scambiarci idee, ricette, racconti e tanto altro 🙂

Ricette: Crostatine ai peperoni con basilico rosso e caprino del Mondo di Ortolandia


ricette-crostatine

Avete mai preparato le Crostatine ai peperoni con basilico rosso e caprino? Non ancora? Grave! 🙂 Ecco come fare seguendo la ricetta di Il Mondo di Ortolandia – Una favola in tavola.

News per i nostri amici blogger


SALE3.jpg

Ciao ragazzi, Sale Quanto Basta è anche su Facebook, perchè non mettete un mi piace? Così possiamo “vederci negli occhi”, possiamo scambiarci più facilmente consigli, pensieri e ricette! 🙂 La nostra bacheca è aperta a tutti, scriveteci   la vostra ricetta, raccontateci  il vostro viaggio, mandateci un video che vi piace particolarmente, ecc.  e noi provvederemo a pubblicarlo! 🙂 Dai, vi aspettiamo! 

Clicca qui: https://www.facebook.com/pages/Salequantobasta/511709295546394?ref=hl&ref_type=bookmark

Ricetta dolci: torta al cioccolato fondente con caramello salato


ricette-dolci-luca

Torta al cioccolato fondente con caramello salato, ecco la ricetta. Circa 6 anni fa sono stato a Dublino per una vacanza studio, un’esperienza bellissima che mi ha dato la possibilità di conoscere tanta gente con la quale ancora oggi sono in contatto. Durante un’escursione alle bellissime scogliere di Moher ho conosciuto Luca Vaccaro,  un ragazzo molto simpatico, pieno di interessi  e amante della buona cucina. Tra le sue tante ricette, Luca ha deciso di condividere con tutti noi la ricetta della torta al cioccolato fondente con caramello salato. Siete curiosi di saper come si prepara? Allora non perdete tempo, Luca ci spiega in maniera molto dettagliata il procedimento…

Preparare la  torta al cioccolato fondente è molto semplice e i  risultati sono garantiti! Questa ricetta è adatta anche a chi non è molto abile tra i fornelli, infatti,  anche se si sbagliano i tempi di cottura  non è un problema perché  il procedimento è simile alla preparazione delle mousse al cioccolato francese.

Io la preparo così, ecco gli ingredienti che occorrono:

300g cioccolato fondente

100g zucchero

100 g burro

2 cucchiai rasi di farina

1 cucchiaio di cacao amaro in polvere

1 cucchiaio di rum

zucchero a velo e pizzico di sale

Procedimento:

Il procedimento è simile alla preparazione della mousse al cioccolato (30gr di burro, senza farina)

-sciogliere a bagnomaria il cioccolato. Unire il burro

-separare gli albumi dal tuorli e battere quest’ultimi con lo zucchero e rum, fino a ottenere un composto chiaro e spumoso

-amalgamare la farina e il cacao setacciati

-incorporare poco alla volta il cioccolato fuso tiepido

-montare gli albumi a neve con pizzico di sale e unirlo all’impasto, mescolando dal basso verso l’alto per non smontarli

-imburrare e infarinare uno tampo rotondo di 20cm

-versare l’impasto

-cuocere in forno a 160, per 30 min

Il bello di questa torta è, appunto, che non ci si deve preoccupare troppo per la cottura. Se non si cuoce troppo è buona uguale, e l’effetto che si crea, quando la si assaggia è da brividi!

Per rifinirla si può spolverarla con zucchero a velo. Ulteriore suggerimento da effetto stravolgente, è spruzzarci sopra del caramello salato.

Beh che dire, non è fantastica? Caro Luca, grazie per aver condiviso questa ottima ricetta con tutti noi di Sale quanto basta, adesso attendiamo qualche altra ricetta, magari tipica della tua terra.

Cinema: la Città incantata, ultima chiamata


Dopo 11 anni dall’ Oscar – categoria “Miglior film d’animazione” – torna  nelle sale cinematografiche italiane  La città incantata di Miyazaki. Oggi è l’ultimo giorno per poter seguire le avventure di Chichiro, una bambina di 10 anni che dovrà superare mille difficoltà prima di salvare i propri genitori trasformati in maiali a causa della loro sfrenata ingordigia. Ad aiutare Chichiro nell’impresa un misterioso personaggio di nome Haku

Grazie al nuovo doppiaggio in italiano, la nuova versione de La città incantata è ancora più bella perchè molto fedele alla versione originale giapponese. Ragazzi io l’ho visto un po’ di anni fa e ve lo consiglio vivamente! Gae

 

Buon week-end a tutti!


10458930_10203917978779513_3332441124917024645_n

Ecco, ci risiamo, finalmente è venerdì! Vi auguro un bellissimo fine settimana, vissuto senza l’ansia del lunedì che arriva e del week-end che passa in fretta, ma godendovelo in ogni suo momento: buon week-end a tutti 🙂 Gae

Oroscopo del 26 giugno/2 luglio 2014


Carissimi, eccoci con il consueto appuntamento con l’oroscopo oroscopo-internazionale-jpgdell’Internazionale di Rob Brezsny, il nostro preferito! Vediamo cosa ci riserva il futuro in questa nuova settimana, speriamo bene 🙂 Ecco quello del segno della vergine, il mio: “Quando un bambino navajo ride per la prima volta, tutta la comunità festeggia. È il momento in cui il piccolo completa il passaggio dal regno degli spiriti al mondo reale. La persona che lo ha fatto ridere è incaricata di organizzare la cerimonia della prima risata per celebrare il magico evento. Prevedo che nella tua vita sia in arrivo qualcosa di simile, Vergine. Ovviamente non riderai per la prima volta, ma ho il sospetto che il tuo senso dell’umorismo raggiungerà nuovi livelli di maturazione. Forse riuscirai a trovare divertenti cose che hai sempre preso troppo sul serio. Magari comincerai improvvisamente ad apprezzare di più gli scherzi del cosmo. O forse troverai motivi per ridere più forte e più a lungo di quanto tu non abbia fatto finora”

Ricette light: parmigiana di melanzane


melanzane11

Ricette light: parmigiana di melanzane. Scopri la ricetta! Cari amici, oggi vi propongo una ricetta da leccarsi i baffi, ma soprattutto light! Preparare la parmigiana di melanzane light è molto semplice e proprio perchè “magra” occorrono pochi ingredienti 🙂 Per prima cosa dovete grigliare le melanzane mentre in un tegame a parte cuocete la salsa con la cipolla, l’aglio, parmigiano q.b., olio, abbondante basilico e sale q.b. Per renderla leggera io non ho soffritto nulla. Adesso versate un po’ di salsa su una teglia da forno e formate il primo strato di melanzane. Ricoprite lo stratocon un mestolo di salsa e aggiungete qualche fettina di sottilette light. Al terzo ed ultimo strato aggiungete la salsa e una spolverata di parmigiano. Infornate per circa 15/20 minuti. Che ve ne pare? Ok, non è la classica parmigiana fritta che io adoro, ma vi assicuro che anche questa versione light non è da meno! Buon appetito. Gae

Idee per un fresco pranzo!


gelato

E’ già tutto pronto per il pranzo? Oggi il mio prevede un  tramezzino al bacio e tre Sanpietrini al pistacchio, al cioccolato e allo zabaione 🙂 I Sanpietrini sono una specialità della gelateria Giovanni Fassi a Roma, sono dei piccoli quadrati di cioccolato ripieni  di panna, di zabaione, di cocco, ecc. Ci sono moltissime varietà, una più buona dell’altra! Che ne pensate del Sanpietrino con glassa di pistacchio e cuore di panna? E’ una vera goduria! 🙂 Gae

Mondiali 2014: Italia Uruguay, vince Fiorello!