Ricette tipiche: la farinata genovese.


farinata1

Ciao a tutti ragazzi, oggi voglio condividere una ricetta tipica della liguria: la farinata genovese. E’ una ricetta molto semplice da preparare, ma vi assicuro che è ottima!

Ingredienti: 300 g. di farina di ceci, 900 ml di acqua, sale q.b., 1  bicchiere di olio extra vergine di oliva.

Procedimento: in una coppa mescola 300g di farina di ceci con 900ml di acqua e lasciala riposare a temperatura ambiente per min.4 a max 8 ore.

farinata-2

Adesso aggiungi sale q.b e mezzo bicchiere di olio. Versa il restante olio in una teglia da forno e aggiungi il composto. Cuoci a 200° per 30 min. Appena dorata sforna e sala.

Semplice vero? Volendo potete anche far riposare il composto per meno tempo, l’importante è eliminare i grumi.

Potete condire la farinata con dello stracchino aggiungendolo qualche minuto prima di sfornarla, giusto il tempo di farlo sciogliere un pochino.

Ricetta delle Ciappe, prodotto tipico ligure.


21Ecco la  ricetta delle Ciappe,  un prodotto tipico ligure che mi ha fatto conoscere una mia amica di Genova. Sono un ottimo snack o una gustosa alternativa al pane. Io vi consiglio di mangiarle con un po’ di pesto fresco spalmato in superficie. Buone veramente! Accetto tutti i consigli e i segreti da parte di qualche ligure doc 🙂

Preparazione: impastate 500 g. di farina di grano tenero con 1/2 bicchiere di olio extravergine di oliva, aggiungete acqua e sale q.b. ad ottenere un impasto consistente. Stendete il composto ottenendo una sfoglia sottile e con un bicchiere ricavate dei cerchi  da infornare per qualche minuto in forno preriscaldato a 180°. Utilizzate carta da forno per evitare che si attacchino.

Tra i vicoli di Genova: ricetta pasta & pesto.


pestoMaggio scorso ho visitato Genova per la prima volta e devo dire che la città mi ha sorpreso in positivo, ho apprezzato molto i vicoli del centro storico, la gente e l’aria che si respira (e poi qui è nato anche il grande Fabrizio De Andrè). Mi piacciono molto le città sul mare, poi quelle con il porto hanno un fascino particolare. Mi piace immaginare i tanti saluti scambiati dinanzi a quelle navi enormi, le lacrime e gli abbracci; quanti sogni in quelle valigie e quante speranze imbarcate. Dopo la lunga passeggiata al porto, i miei tanti pensieri sono stati d’improvviso distratti dalla fame che non ha tardato ad arrivare ed io, ahimè, ho dovuto subito assecondare 🙂  Finalmente ho assaggiato il vero pesto alla genovese, distante mille nodi (per rimanere in tema di navigazione) da quello venduto nei supermercati. Oltre al suo sapore intenso e genuino, ho apprezzato molto il fatto che si digerisce facilmente! Una vera goduria per il palato.  Ho provato a fare il pesto a casa, sicuramente il risultato è diverso rispetto a quello mangiato in Liguria, ma sempre meglio di niente! Ecco la ricetta: in un recipiente mettete 60-70 grammi di foglie di basilico, due spicchi di aglio, 20 grammi di pinoli, 60 grammi di parmigiano reggiano, 70-80 cc di olio extra vergine di oliva, sale e pepe ovviamente q.b. Frullate il tutto. Scolata la pasta, aggiungetela al pesto con un po’ di acqua di cottura e buon appetito!! Gae.

Malinconica Portofino.


Questa fotografia l’ho scattata a Portofino. Mi piace, anche se è un po’ malinconica. Chissà cosa pensava l’uomo nella foto. Chissà quel grande ombrello nero quale sentimento proteggeva dalla pioggia.  Sono stato a Portofino nel mese di Maggio, doveva essere un week-end all’insegna del caldo e del sole, ma come si nota dalla foto, non è stato proprio così!:) Tutto sommato è stato ugualmente un bel fine settimana e approfittando del brutto tempo sono andato nella vicina Genova, una bella città che vale la pena visitare. Spero di tornarci presto e trovare un clima migliore!  -Gae-

Immagine