ROSETO COMUNALE DI ROMA: SE SON ROSE FIORIRANNO.



Immagine

Ci sono degli angoli di Roma che ti tolgono il fiato e che ti regalano infinite emozioni. Non mi riferisco agli innumerevoli monumenti (fantastici) ampiamente riportati sulle guide turistiche, ma a quei posti che difficilmente visiti se rimani a Roma solo pochi giorni. Uno di questi è il Roseto Comunale di Roma, un enorme  roseto visitabile dal 23 Aprile  fino al 15 Giugno in via di Valle Murcia, nei pressi del Circo Massimo. Ci sono circa 1.100 specie di rosa, dalle più comuni a quelle appena create. Ogni anno viene indetto un concorso che premia la miglior rosa. Se siete a Roma in questo periodo vi consiglio di farci un salto, ne vale la pena! Questa foto l’ho scattata ad Aprile scorso e credetemi che non ho fatto nessun ritocco! GAE.

Per maggiori informazioni o per prenotare una visita guidata (gratuita) clicca qui.

ROSE GARDEN IN ROME, FREE ENTRY.

(This message is translated automatically. Apologize for any errors)

The “Roseto Comunale di Roma”  is a great rose garden that you can visit (free) from April 23 to June 15 in Valle Murcia street, near the Circus Maximus. There are about 1,100 species of rose, from the most common to those just created. Every year there is a contest that rewards the best rose. If you are in Rome you should go. This photo I shot last year. For more information click here

 

Annunci

18 pensieri su “ROSETO COMUNALE DI ROMA: SE SON ROSE FIORIRANNO.

  1. mchan84 ha detto:

    Hallo! Io ci sono stata lunedì. Purtroppo le rose non sono ancora tutte completamente sbocciate, però è il mio posto preferito. Sicuramente il periodo migliore per andarci è la prima metà di maggio. Anni fa ci sono stata proprio in questo periodo e le rose erano tutte in fiore. Uno spettacolo.
    Mchan

  2. quarchedundepegi ha detto:

    Trovo meravigliosa l’idea di un roseto comunale. Quello che non capisco è che non riesco a capire per quale recondita ragione le visite, addirittura quelle guidate, debbano essere completamente gratuite.
    Credevo che il Comune di Roma piangesse a causa dei debiti e poi va a fare la carità a chi vuol vedere le rose? Non può far pagare una piccola cifra? Perché deve essere a carico del contribuente?
    Buon pomeriggio.
    Quarc

    • Trutzy ha detto:

      Ciao, io azzardo un’ipotesi: dato che a Roma ci sono talmente tante cose meravigliose da visitare se questo roseto fosse a pagamento probabilmente non lo visiterebbe nessuno. Roma è famosa per i sui tesori storici ed artistici e probabilmente attira turisti interessati alla cultura umanistica e meno alla botanica, se dovessero pagare per il roseto non ci andrebbero. E’ solo un’ipotesi ma può essere plausibile. Trovo che i roseti siano molto romantici e mi ricordano le trame di alcuni libri che ho letto da bambina. Ciao

      • quarchedundepegi ha detto:

        Non credo che il roseto non sia anche per i romani… che non sono tutti morti di fame.
        Se poi penso che io, come emigrato… e non per desiderio mio, per un appartamento abbastanza popolare, pur se prima casa, ho dovuto pagare più di mille euro (dato che le casse dello Stato facevano e fanno acqua), non può un romano o un turista pagare almeno 1 euro per vedere gli sforzi floreali della natura e degli addetti ai lavori?
        Anche l’organizzazione costa… o no?
        Ciao Trutzy.

  3. lamaky ha detto:

    🙂 mi hai dato una belle idea per un week end di maggio, seguo i vostri consigli e vado ad ammirare le rose che sono le regine del giardino, come diceva il giardiniere dei miei genitori

    • quarchedundepegi ha detto:

      Il torto e la ragione non si dividono con un taglio netto.
      Mi chiedo però: “Perché devono essere sempre i volontari quelli che lavorano? Perché lo Stato li sfrutta?”
      C’erano anche nella Croce Rossa Italiana gli autisti volontari… che guidavano anche male! Una volta, di notte, dopo aver accompagnato un paziente grave, fui costretto a guidare nel ritorno per 150 chilometri dato che il “volontario” (quindi non pagato ma sfruttato) aveva molto spaventato me medico e la mia infermiera. Erano le tre di notte e alle otto e trenta avrei dovuto essere di nuovo in sala operatoria.
      Ringrazio per l’ospitalità. Questo argomento meriterebbe un lungo articolo.
      Ciao dupont651.
      Quarc

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...