OH MIO DIO!


the-voice-suor-cristina

Ieri sera si sono chiuse ufficialmente le Blind Audition di The Voice of Italy 2, ogni coach ha scelto 16 concorrenti che dalla settimana prossima si scontreranno in una vera e propria Battle a suon di ugola. Considerando che i giudici sono 4 e se la matematica non è un opinione, si può dire che i cantanti in gara a The Voice sono attualmente 64. Valutando che in media per ogni Blind Audition i cantanti provinati erano più o meno una cinquantina, si può affermare che circa 2/3 delle aspiranti star ha passato il turno. In realtà più che per le proprie doti canore, i cantanti sono stati selezionati in base al brano musicale presentato: se il brano è rock sei in, se è melodico sei out! Se si fosse presentata, per esempio, Laura Pausini con “La solitudine” non si sarebbe voltato nessuno dei coach; la stessa sorte sicuramente sarebbe capitata a Giorgia con il brano “Strano il mio destino” o Antonella Ruggiero con “Vacanze romane”.

Quindi se anche io mi fossi presentato alle Blind Audition con una canzone rock o meglio ancora rap, adesso starei nel team Carrà a preparare il prossimo brano da portare alle Battle con tanto di balletto e parrucca bionda.

the-voice-of-italy-carrà

Con un abbigliamento adeguato e una pronuncia inglese impeccabile avrei conquistato persino Noemi e J-ax, grandissimi cantanti nel panorama musicale italiano: la prima al 46° posto in classifica con il suo ultimo album lanciato durante il Festival di Sanremo e il trasgressivo rappista presente ai primi posti in classifica…nella top ten del 1990!

the-voice-of-italy-jax

L’unico dubbio che ancora mi assale è perché i coach abbiano indossato lo stesso abbigliamento per tutte le puntate. Ecco allora Raffaella indossare sempre la stessa maglietta con stampata la sua faccia per un mese intero, Pelù gli stessi pantaloni scozzesi, J-ax il cappellino e le bretelle da teenager dal primo giorno delle Blind o Noemi vestita da odalisca.

the-voice-2-coach

Cercando di risolvere questo grande dubbio, vado a chiudermi in camera per prepararmi alle prossime audizioni, ovviamente opterò per un pezzo alla Marilyn Manson e un look total black , sempre se non decidessi prima di prendere i voti ed entrare più facilmente nelle grazie di The Voice. Gae.

gospel

 

 

 

 

Annunci

4 pensieri su “OH MIO DIO!

  1. wwayne ha detto:

    Ad una prima occhiata mi sembra che il team di J – Ax sia quello con la qualità media più alta. Questa squadra può contare su un tris d’assi davvero imbattibile: Suor Cristina, Valerio Jovine e l’ ultimo arrivato Dylan Magon.
    Anche Pelù e Noemi hanno almeno un talento assoluto nelle loro file: mi riferisco a Esther Oluloro e Stefano Corona. Quest’ ultimo lo mandai a quel paese quando scelse Noemi, perché era chiaro che Pelù lo apprezzava molto più di lei: poi però ho pensato che questa scelta apparentemente scriteriata in realtà potrebbe essere frutto di una finissima strategia. Intendo dire che Stefano Corona potrebbe aver scelto il team di Noemi perché sapeva che lì avrebbe avuto dei compagni di squadra molto inferiori a lui, e quindi sarebbe arrivato in finale senza problemi; da Pelù invece avrebbe trovato molta più concorrenza, e quindi, nonostante la sua bravura, avrebbe potuto lasciare il gioco ben prima della finale.
    Il team Carrà invece é veramente scarso. La Raffaella nazionale quest’anno é stata clamorosamente snobbata da tutti: infatti, quando gli altri 3 avevano già completato la squadra, lei aveva ancora 2 posti liberi. L’ unico vero talento del suo team é Francesca Romana D’ Andrea, che peraltro fu costretta a scegliere la Carrà perché, per motivi a me incomprensibili, gli altri 3 non si girarono.
    Secondo te perché nessuno sceglieva Raffaella?

    • salequantob ha detto:

      Ottima analisi 🙂 Secondo me nessuno ha scelto Raffa perché è l’unica pop, la più “classica” tra i coach. I cantanti più “classici” quest’anno sono stati messi fuori…

      • wwayne ha detto:

        Io invece ho pensato che potrebbe essere un discorso di età: i concorrenti sono quasi tutti ragazzi, e quindi tendono a scegliere un coach più vicino alla loro generazione. Sbagliando, perché il coach deve farti un po’ da terzo genitore, e quindi una con l’ atteggiamento materno della Carrà é perfetta per il ruolo. Grazie mille per i complimenti e per la risposta! : )

  2. rosenuovomondo ha detto:

    bello… così finalmente vedrò la puntata a cui ha assistito la figliola. Anche a me è sembrata incomprensibile sempre la scelta di puntare solo sul rock e meno sul melodico… si sono persi talenti per questo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...