GUERRIERI.


Avete visto il nuovo spot Enel Corporate? si chiama Guerrieri e per me è stato spunto di alcune riflessioni.Vi consiglio di guardarlo per due motivi: uno, vi darà la carica giusta per affrontare la giornata e due, lo spot regala emozioni che incalzano insieme alla musica. Quello che viene raccontato è la storia dei veri guerrieri, ovvero noi, persone comuni che ogni giorno affrontano piccole battaglie per il proprio futuro. Siamo guerrieri, quando dobbiamo sopportare il caos della città, le file interminabili, quando siamo sommersi di lavoro, quando ci poniamo domande e vogliamo delle risposte. Abbiamo coraggio, perché investire forze ed energie per i propri progetti richiede audacia. E voi, quanto vi sentite guerrieri? Avete mai pensato, la sera prima di addormentarvi di essere fieri di voi stessi, solo per “essere arrivati vivi” a fine giornata? Quali sono le vostre piccole battaglie? Vi ho postato qui sopra il video spot. La musica è “Crescendo” di Sebastian Akchote. Un saluto 🙂

Lolla

PECCATO DI GOLA.


ImmagineHo fatto una grande scoperta che voglio condividere con voi! Se andate a Foggia, ma credo che dopo quello che vi dirò ci andrete, passate in via Mandara 103, dalla pasticceria Moffa ed ordinate la torta “Peccato di Gola“. Scoprirete che Cristo non si è fermato ad Eboli, ma a Foggia, che il dolce più buono del mondo non è l’austriaca Sacher Torte, ma l’italiana Peccato di Gola! Forse, l’unica controindicazione è che può creare dipendenza, ma questa è un’altra storia. Questo dolce è citato in tutte le riviste che contano, è stato inventato dal pasticcere Pietro Moffa, che dopo varie esperienze e disfatte in Francia, rientra nella propria città, rileva una vecchia pasticceria ed inizia a creare delle vere e proprie opere d’arte dolci, fatte solo con le migliori materie prime. Il laboratorio e punto vendita, è un vero e proprio tempio, il nome Moffa è diventato un brand, e la produzione non si ferma alla pasticceria, c’è la sezione biscotti, praline e confetture, i cornetti hanno un profumo inebriante, le confezioni e le decorazioni sono raffinate e contemporanee. La torta Peccato di Gola, è quanto di più ingegnoso e goloso un pasticcere potesse inventare, un tripudio di crema, caramello e burro, due dischi di meringa mandorlata che racchiudono una crema fresca da un gusto deciso ma indescrivibile; esageratamente buona ed impossibile da riprodurre. Il momento in cui si assaggia Peccato di Gola, è un momento epico, ve lo ricorderete per tutta la vita!Ho ancora il sapore in bocca, tanto che vorrei provare a creare una ricetta simile, qualcuno di voi l’ha mai assaggiata o si è cimentato nella ricetta?? Fatemi sapere. Un saluto.

Lolla

Antipasto, primo, secondo e dolce molto light.


Dopo un week-end passato in Puglia, ecco il mio pranzo di oggi. Buon appetito a tutti! 🙂 Gae

Immagine

Francesca.


piedi-charlotte1

Ieri sera sono tornata a Roma. Questo weekend sono stata a Foggia, a casa della mia migliore amica per vedere la piccola Francesca. Una bambolina di appena 20 giorni, un batuffolo rosa coi capelli biondi e i riflessi rame, gli occhi grandi e sgranati e un milione di espressioni che ti riempiono il cuore, di una gioia che non avevo mai provato prima. Avete mai avuto la sensazione di impotenza, davanti a qualcosa di estremamente bello? Vi è mai successo di stare in contemplazione e ritrovare la pace? A me sì, appena ho conosciuto Francesca sono rimasta immobile, senza parole, ho provato qualcosa che non so definire, quell’esserino così piccolo mi ha mozzato il fiato. L’ho vista dormire, mangiare, piangere e lamentarsi. Le ho fatto il bagnetto, l’ho cambiata e l’ho vista ridere. Ieri pomeriggio prima della partenza, sono scoppiata in un lungo pianto, non riuscivo a fermarmi era più forte di me. Qualcosa mi partiva dallo stomaco e finiva negli occhi trasformandosi in lacrime. Quella bambina mi ha regalato un’emozione indescrivibile, mi ha fatto scoprire una parte di me che non conoscevo. Mentre guardavo in silenzio, con gli occhi lucidi la mia amica che l’allattava, pensavo: non può esistere nulla di più bello al mondo, voglio dedicarmi anche io alla mia vita, un giorno anche io voglio questo. Sono rientrata a Roma felice e rinnovata, la piccola già mi manca. Auguro a lei e ai suoi genitori di essere sempre così, innamorati della vita e delle gioie della quotidianità. Oggi inizia un’altra settimana e questo lunedì stranamente non mi pesa. Oggi ho il cuore più leggero 🙂 Buona giornata a voi tutti!!!

Lolla

Il coraggio di dire “grazie”


Immagine

Spesso si ha difficoltà a dire “grazie” o a dire “ti voglio bene“, soprattutto quando è sentito, soprattutto quando attribuisci il giusto peso alle parole. A volte si ha difficoltà a farlo di persona, guardando l’altra persona negli occhi…e allora trovi altre strade, altri mezzi, ma sempre efficaci, capaci di arrivare ugualmente al cuore. Lei è mia sorella. Ti ringrazio per essermi sempre accanto, in silenzio, in punta di piedi, con la stessa delicatezza con cui gestisci la tua vita. Gae

“You are my sister” di Antony And The Johnsons

Sei mia sorella, siamo nati
Così innocenti, così bisognosi
Alcune volte siamo stati amici, altre sono stato crudele
Ogni notte ti chiedevo di vegliarmi nel sonno
Avevo così tanta paura della notte
Sembrava che tu attraversassi i luoghi da me temuti
Vivevi nel mio mondo così dolcemente
Protetta solo dalla tua naturale bontà
Sei mia sorella
E ti amo
Che tutti i tuoi sogni possano avverarsi
Allora ci sentivamo così diversi
Ma poi negli anni così simili
Il modo di ridere o di soffrire
Così tanti ricordi
Ma nulla più si può ottenere dai ricordi
Facce e mondi che nessun altro conoscerà mai
Sei mia sorella
E ti amo

Chissà perchè preferisco il venerdì al lunedì…


Buongiorno a tutti e buon lunedì! Oggi voglio condividere questa vignetta di Roberto Mangosi trovata navigando in internet. E’ molto simpatica e soprattutto rappresenta molto bene il mio stato d’animo 🙂 Buon inizio settimana a tutti. Gae

Chissà perchè preferisco il venerdì al lunedì...